Questo sito fa uso di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare.

Per conoscere con maggior dettaglio cosa sono i cookie, quali sono utilizzati nel nostro sito e come disabilitarli premi il bottone "Per saperne di più". Per accettare l'utilizzo dei cookie premi il bottone "OK".

Riprendiamoci la Cassa!

Nuova finanza pubblica e sociale

L'appello 

 Sono state evidenziate alcune difficoltà del forum sul versante organizzativo; la campagna è però stata un successo dal punto di vista politico, visto che siamo riusciti a togliere dall'anonimato la Cassa depositi e prestiti e a farne percepire l'importanza agli attivisti di movimenti diversi. Abbiamo quindi deciso di perseverare nelle nostre iniziative e di tentare nuovamente di agganciare gli enti locali.

Sappiamo infatti che sono in previsione forti tagli che avranno grande impatto sui comuni più piccoli. Diego ci ha fornito alcuni aggiornamento sulla situazione attuale di Poste Italiane: l'amministratore delegato sta preparando il piano industriale, con un ritardo ormai di mesi, mentre il Governo ha già annunciato di voler ridurre il contributo a circa 200 milioni a fronte dei 700 richiesti. Sono quindi a rischio i posti di lavoro e il servizio universale; anche il rapporto tra Poste e Cassa Depositi e Prestiti potrebbe subire dei cambiamenti.

Abbiamo quindi deciso di inviare una lettera ai Sindaci – prima dell'uscita ufficiale del nuovo piano industriale, per informare di questo doppio attacco che si profila (da una parte si chiudono gli uffici postali, dall'altra di tocca il polmone finanziario dei comuni).

E' in preparazione una bozza che verrà mandata in lista.

Ci rivediamo a Dicembre per la prossima riunione, seguirà convocazione

 Alla riunione hanno partecipato cinque persone.

Si è discusso in merito ai punti seguenti:

- Proposta di referendum autogestito per una CDP pubblica: non ci sono state reazioni a livello nazionale, Diego (che partecipa in rappresentanza del comitato torinese alle riunioni virtuali nazionali) lo proporrà alla prossima riunione (appena si terranno).

- Privatizzazione delle Poste Italiane: Diego ha scritto un articolo pubblicato sul sito web nazionale

Mariangela ha inviato ai Sindaci della Provincia di Torino la lettera allegata con la sentenza del Consiglio di Stato che vieta la chiusura degli Uffici Postali nelle zone rurali e montane

Hanno risposto parecchi Comuni, ipotizziamo un nuovo possibile invio con aggiornamenti a settembre.

- Video della assemblea-dibattito Le POSTE in gioco del 14/05: Riccardo ha pubblicato il video girato da Simona 

La prossima riunione sarà il 10/09 alle ore 21 in via Mantova 34 a Torino.

Alla riunione hanno partecipato tre persone.
Si è discusso in merito ai punti seguenti:
- Proposta di referendum autogestito per una CDP pubblica: non ci sono state reazioni a livello nazionale, Diego (che parteciperà in rappresentanza del comitato torinese alle riunioni virtuali nazionali) lo proporrà alla prossima riunione.
- Difesa dei risparmiatori postali: Diego ha approfondito la questione dei buoni fruttiferi pagati con interessi inferiori al pattuito e non ci sembra una questione rilevante.
 - Privatizzazione delle Poste Italiane: possibile diminuzione dei ricavi dal servizio universale di consegna e dalla raccolta di risparmio per CDP http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-06-18/per-poste-resta-sciogliere-nodo-valutazione-063652.shtml che potrebbe essere "compensato" con 30.000 esuberi (questo ovviamente nell'articolo non lo trovate ...)
La prossima riunione sarà il 16/07 alle ore 21 in via Mantova 34 a Torino.
A presto!