Questo sito fa uso di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare.

Per conoscere con maggior dettaglio cosa sono i cookie, quali sono utilizzati nel nostro sito e come disabilitarli premi il bottone "Per saperne di più". Per accettare l'utilizzo dei cookie premi il bottone "OK".

        Referendum. Ascolta il commento di Marco Bersani a radio Onda d'Urto

La Corte di Cassazione ha rinviato di 20 giorni la ratifica e la valutazione dell’esito del referendum del 12 e 13 giugno. La decisione del rinvio è stata dettata  dall’esigenza di aspettare l’arrivo del materiale elettorale dalle Regioni, un ritardo nella trasmissione del materiale che viene considerato fisiologico.

Intanto ieri mattina si è tenuta una conferenza stampa da parte dei comitati referendari due si per l’acqua bene comune e vota si per fermare il nucleare, in occasione della proclamazione dei risultati referendari da parte della Corte di Cassazione. Dopo la vittoria al referendum, martedì è arrivata la buona notizia della ripubblicizzazione dell’Acquedotto Pugliese, anche se il testo approvato in regione non corrisponde completamente alla legge proposta dai comitati referendari. Nomine in mano ai partiti e assenza del minimo vitale garantito sono  tra le critiche principali che i movimenti hanno avanzato.

Sono diverse le proposte di questi giorni al comitato per la difesa dell’acqua pubblica: convocare gli stati generali dell’acqua, avanzata da Riccardo Petrella, docente di scienze sociali e autore di “Capitalismo blu”, alla nascita di una costituente per i beni comuni. Proposte che troveranno un luogo di confronto nell’assemblea nazionale del movimento che si terrà tra poche settimane.

Ascolta il commento di Marco Bersani, membro di Attac e del forum italiano dei movimenti per l’acqua.

Da Radio Onda d'Urto