Questo sito fa uso di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare.

Per conoscere con maggior dettaglio cosa sono i cookie, quali sono utilizzati nel nostro sito e come disabilitarli premi il bottone "Per saperne di più". Per accettare l'utilizzo dei cookie premi il bottone "OK".

Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua - Comitato provinciale Acqua Pubblica Torino
www.acquapubblicatorino.org – tel  388 8597492

PD   IDV   e  SEL al Comune di Torino votano a favore della vendita del 40% di AMIAT, TRM e GTT.

Il  Comune di  Torino conclude le celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia con una delibera storica, che avvia lo smantellamento dei Beni Comuni cittadini, costruiti in un secolo di conquiste civili e sociali.

 Con il Referendum abbiamo salvato  dalla privatizzazione solo l’acqua, il resto (trasporti, igiene urbana e inceneritore) viene consegnato alla concorrenza e al mercato per unanime consenso soprattutto tra PD - IDV e SEL.

Sono i partiti che avevano raccolto con noi le firme per il Referendum e con noi si erano impegnati per la vittoria dei due Sì

 Con la decisione odierna PD IDV e SEL a Torino rinnegano valori e prospettive di cambiamento e si adeguano all’ideologia liberista dominante.

 Non ci lasceremo incantare da Mozioni di accompagnamento alla delibera grondanti belle intenzioni per mascherare la dura realtà: la vendita dei nostri Beni Comuni.

 Il Comitato Acqua Pubblica di Torino riceve da questa triste vicenda ulteriore sprone all’impegno – a fianco degli altri movimenti per i Beni Comuni – per la trasformazione di SMAT SpA in Ente di diritto pubblico per sottrarla alle logiche del mercato.

 La Manifestazione nazionale del 26 novembre prossimo a Roma ribadirà questo  obiettivo e lancerà la campagna di Obbedienza Civile per l’applicazione dell’esito del secondo quesito referendario e la restituzione ai cittadini della quota di tariffa finora pagata dagli utenti per garantire il profitto al gestore del Servizio Idrico Integrato.

Lunedì 21 novembre dalle ore 15
PRESIDIO  davanti al Municipio
per la difesa dei BENI COMUNI