Questo sito fa uso di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare.

Per conoscere con maggior dettaglio cosa sono i cookie, quali sono utilizzati nel nostro sito e come disabilitarli premi il bottone "Per saperne di più". Per accettare l'utilizzo dei cookie premi il bottone "OK".

Chiamparino alla Fondazione Sanpaolo

Fassino alla Cassa Depositi e Prestiti

La politica al servizio della finanza?

Apprendiamo della nomina di Piero Fassino nel Consiglio di Amministrazione della Cassa Depositi e Prestiti.

Sindaco del Comune più indebitato d‘Italia e Presidente dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani, Fassino dovrebbe conoscere bene le conseguenze della feroce politica di austerità imposta dalla Troika alla Grecia prima e ora all’Italia. Una politica che non risparmia la Cassa Depositi e Prestiti: sia con le sciagurate nomine berlusconiane dei suoi vertici sia con la sua progressiva soggezione alla finanza speculativa e predatrice. Il Fondo F2i, finanziato da CDP e gestito da Gamberale, ha già messo piede anche nella nostra realtà per privatizzare con i nostri soldi i servizi pubblici locali.

La nomina di Fassino si accompagna a quella di Antonio Saitta Presidente della Provincia di Torino e dell’Unione Province Italiane,

Nomine avvenute in concomitanza con l’avvio della campagna nazionale promossa dal Forum per una nuova finanza pubblica e sociale per ripristinare la natura pubblica della Cassa Depositi e Prestiti.

Ai due torinesi al vertice della CDP chiediamo di non prestarsi a rompere quello che è ormai rimasto l’ultimo grand e salvadanaio del nostro paese, con i suoi 230 miliardi di euro che 12 milioni di famiglie italiane hanno affidato alle Poste e che la CDP deve gestire tutelando il risparmio e favorendo lo sviluppo economico e sociale dei nostri territori.

Invitiamo caldamente Piero Fassino, sindaco della Città in cui nacque la CDP voluta da Cavour, e Antonio Saitta ad impegnarsi nel nuovo incarico per restituire la CDP all e s ue finalità originarie , di ente di diritto pubblico che non opera sul libero mercato ma raccoglie il risparmio popolare , lo remunera con un interesse moderato e lo destina a finanziare a lungo termine e tassi agevolati le opere e i servizi pubblici locali che garantiscono i diritti di cittadinanza e la coesion e sociale.

Ma se la politica si mette al servizio della finanza, i soliti piagnistei sul debito altro non sarebbero che lacrime di coccodrillo.

Cogliamo l'occasione per estendere ad entrambi l'invito a partecipare al Convegno "Riprendiamoci la Cassa" che si terrà venerdì prossimo 6 dicembre alle ore 20,45 al Centro d’ Incontro – Corso Belgio 91 - Torino