Questo sito fa uso di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare.

Per conoscere con maggior dettaglio cosa sono i cookie, quali sono utilizzati nel nostro sito e come disabilitarli premi il bottone "Per saperne di più". Per accettare l'utilizzo dei cookie premi il bottone "OK".

Lettera inviata ai Sindaci della Provincia di Torino

Signor Sindaco

Le segnaliamo che Poste Italiane, pur chiudendo il bilancio in attivo con un utile netto di € 1.032 milioni (anno 2012) ha in programma la chiusura di altri 1500 uffici postali  meno redditizi (periferie, piccoli paesi, borgate).

Come Lei ben sa, è all’ordine del giorno la privatizzazione di Poste Italiane con una prima vendita ai privati del 40% del pacchetto azionario.

È in atto una strategia di smantellamento della funzione sociale di Poste Italiane, la sesta azienda italiana per fatturato, la prima per numero di dipendenti, e con una presenza territoriale che garantisce non solo il servizio universale, ma anche la raccolta del risparmio postale, che confluisce in Cassa Depositi e Prestiti.

Assoggettare la logica del servizio postale ai criteri della rendita e del profitto significa diminuirne la presenza sul territorio: meno sportelli, meno sedi, meno lavoratori, orari di apertura ridotti, e addirittura chiusura degli uffici periferici.

Infatti Poste Italiane motiva la loro chiusura  in ragione dell’impossibilità di garantirne l’equilibrio economico e i Sindaci dei paesi colpiti dispongono di ben pochi strumenti per far fronte a questo ennesimo taglio di un servizio di pubblica utilità.

Le comunichiamo quindi con soddisfazione il successo dell’iniziativa del Sindaco del Comune di Atella (PZ) che è ricorso al TAR e poi al Consiglio di Stato che si sono pronunciati contro la chiusura dell’Ufficio Postale del suo paese in quanto non conforme all’art. 3, co. 1 e 5 lett. C), del d.lgs. 261/1999, il quale stabilisce che “… è assicurata la fornitura del servizio universale e delle prestazioni in esso ricomprese, di qualità determinata, da fornire permanentemente in tutti i punti del territorio nazionale, incluse le situazioni particolari delle isole minori e delle zone rurali e montane, a prezzi accessibili all'utenza….”

La sentenza citata,  N. 02873/2014REG.PROV.COLL. N. 00787/2014 REG.RIC. è scaricabile dal sito:  http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Consiglio%20di%20Stato/Sezione%203/2014/201400787/Provvedimenti/201402873_11.XML