Questo sito fa uso di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare.

Per conoscere con maggior dettaglio cosa sono i cookie, quali sono utilizzati nel nostro sito e come disabilitarli premi il bottone "Per saperne di più". Per accettare l'utilizzo dei cookie premi il bottone "OK".

logo attac torino 100x80

ATTAC - Associazione per la Tassazione delle Transazioni finanziarie e l’Aiuto ai Cittadini

Educazione popolare rivolta all’azione

 

Mercato:  über alles!

“esercizio in comune di una attività economica allo scopo di dividerne gli utili”

definizione generale di società dall’articolo 2247 del Codice Civile

 

IL 5 giugno si è tenuta l’assemblea dei soci di Smat (i Comuni)  per decidere se l’azienda doveva continuare ad essere una Società per Azioni, secondo la definizione del Codice Civile o trasformarla in Azienda Speciale Consortile.  Gli ultrà dell’ideologia di mercato sono riusciti a raggiungere la minoranza di blocco per interrompere il  processo di ripubblicizzazione.

Punto di aggregazione del fronte opposto al rispetto della volontà popolare (espressa nel Referendum) di sottrarre l’Acqua alle logiche del mercato è stato il PD.

Meglio: è stata una parte del PD, perché parecchi amministratori del PD hanno encomiabilmente rispettato la volontà popolare.

Le motivazione del PD (o della sua corrente maggioritaria a Torino) non è chiara; lo sono invece, gravi, i suoi effetti: meno ostacoli per la privatizzazione di Smat; probabilmente con l’intervento di IREN.

Contro questa sciagurata ipotesi occorrerà battersi con risolutezza.

In un momento difficile come questo, lo schiaffo alle scelte referendarie dimostra grave imprevidenza politica; Un’ulteriore deteriorarsi della fiducia dei cittadini nelle istituzioni della democrazia rappresentativa.

Ancor più grave è la scelta dei tempi: immediatamente dopo tre mesi di sospensione, pure per oggettive necessità sanitarie, delle libertà  costituzionali.

Tre mesi in cui non è stato possibile tenere pubbliche riunioni o manifestazioni. Non è stato possibile distribuire volantini e documenti nelle strade e nei mercati (quelli normali, quelli finanziari sono stati sempre attivissimi!). Non è stato possibile raccogliere firme per petizioni o per informare la popolazione, in quei “banchetti” che da molti anni sono l’unica modalità di comunicazione permessa al movimento per l’Acqua Pubblica, di cui Attac è parte. Unica modalità grazie al silenzio tombale dei media main-stream nei confronti del movimento per l’Acqua Pubblica e per l’unilateralità dell’informazione.

Grave che chi usa la parola “democratico” per definirsi  nutra questo sovrano disprezzo per il confronto delle idee e dei diritti di partecipazione, non solo rispetto ai principi della nostra Costituzione; ma anche rispetto ai principi liberali dell’ottocento.

Si sa, è sovrano chi decide dello stato d’eccezione e nello stato d’eccezione.

In realtà dovremmo ringraziarli ci hanno, seppure a caro prezzo, una lezione su quello che sarà la politica del dopo pandemia: “Mercato über alles!”. Questa volta senza neanche l’accompagnamento delle note di Haydn.

 

Attac - Comitato torinese – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - tel. 347 9443758 – www.attactorino.org