Questo sito fa uso di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare.

Per conoscere con maggior dettaglio cosa sono i cookie, quali sono utilizzati nel nostro sito e come disabilitarli premi il bottone "Per saperne di più". Per accettare l'utilizzo dei cookie premi il bottone "OK".

 

logo attac torino 100x80

ATTAC - Associazione per la Tassazione delle Transazioni finanziarie e l’Aiuto ai Cittadini

Educazione popolare rivolta all’azione

 

Il trucco indecente della Regione sui milioni di euro del PNRR per la sanità

Una cabina di regia verso il baratro della sanità pubblica

 

http://www.cittametropolitana.torino.it/speciali/2021/pnrr/

 

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – PNRR  – approvato dalla Commissione Europea, stanzia notevoli finanziamenti anche per la sanità, e fissa criteri e tempi rigorosi per la loro erogazione.

Per la Città di Torino, dove la pandemia ha evidenziato enormi carenze di servizi sanitari territoriali di prevenzione,  cura e riabilitazione, è finalmente l’occasione per dare a ciascun quartiere torinese i servizi sanitari di base previsti dalla legge e mai attuati.  Il PNRR garantisce

€ 1.648.640 per una Casa della Comunità ogni 46.774 abitanti,

 € 2.662.000  per un  Ospedale di Comunità ogni 50.000 abitanti.

 

Le scadenze imposte dall’Europa -  individuare i siti entro dicembre  2021 -  sono state prorogate dal Governo a febbraio 2022, ma resta stringente  e tassativa la scadenza di marzo 2022  per la firma del Contratto Istituzionale di Sviluppo, senza il quale nessun finanziamento sarà erogato. 

 

La Regione ha mantenuto finora il segreto assoluto sul PNRR Sanità.  In questi giorni sta circolando un documento scandaloso:  a Torino la Regione si limita a mettere la nuova etichetta “Casa della Comunità” o “Ospedale di Comunità” sui vecchi presidi sanitari esistenti. Una sola novità:  la ristrutturazione del vecchio Ospedale Einaudi di Largo Cigna.  No alla riapertura del Maria Adelaide, di cui  gli oltre 40.000 abitanti di Aurora Rossini Vanchiglia hanno estremo bisogno: la Regione vuole trasformarlo in residenza studentesca per le Universiadi del 2025.

 

Il Comune di Torino ha sempre assecondato questo gioco perverso. Anche in questi giorni sono poche le voci di dissenso da Palazzo Civico e all’opposizione di destra non par vero che non si disturbi il manovratore regionale amico.

 

Il disegno  della Regione  è chiaro e sempre più evidente : proseguire lo smantellamento del Servizio sanitario pubblico,  allungare a dismisura le liste d’attesa per esami, visite e terapie mediche:  una manna per le multinazionali della sanità che si stanno insediando anche a Torino, una manna per gli ambulatori privati, alcuni dei quali, anche convenzionati, erogano ormai solo prestazioni a pagamento.

Chi non ha i soldi non si cura. E se sta proprio male si accontenti di una barella nei corridoi  del pronto soccorso.

 

Il presidente CIRIO gli assessori ICARDI e RICCA usano i soldi pubblici del PNRR per privatizzare la sanità,

il loro modello di sanità pubblica è il lazzaretto

 

La nuova maggioranza del Sindaco Lo Russo ci difende o è complice ?

~~~

Attac Torino aderisce al Presidio Itinerante dell’Assemblea Riapriamo il Maria Adelaide

Giovedí 16  dicembre ore 18 da via Alfieri 15, Torino

MariaAdelaide3 600x349