Questo sito fa uso di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare.

Per conoscere con maggior dettaglio cosa sono i cookie, quali sono utilizzati nel nostro sito e come disabilitarli premi il bottone "Per saperne di più". Per accettare l'utilizzo dei cookie premi il bottone "OK".

Il trattato del disprezzo

Robert Joumard e Michel Christian

(commissione Costruzione europea di Attac Rodano) -

6 settembre 2007

 

Lo scorso 23 giugno, l’Unione europea ha presentato un progetto di trattato modificativo, che modifica i due principali trattati europei, il trattato sull’Unione europea e il Trattato istitutivo della comunità europea denominato ora “Trattato sul funzionamento dell’Unione europea”. È previsto che il progetto venga formalmente adottato al vertice europeo del 18-19 ottobre 2007, per essere poi sottoposto a ratifica da parte dei 27 paesi membri dell’Unione europea, una procedura che dovrebbe concludersi prima delle elezioni europee del giugno 2009.

 

IL “TRATTATO MODIFICATIVO” NON MODIFICA IN NULLA L’ORIENTAMENTO NEOLIBERISTA DELL’EUROPA

Il “no” francese era, sostanzialmente, un “no” all’Europa neoliberista e un “sì” ad un’altra Europa. I “no” francese e olandese sono l’espressione della crisi dell’Europa, non la causa della crisi stessa. Nè possono essere recuperati da coloro che pensano di continuare la costruzione europea secondo i precetti neoliberisti contenuti nei trattati. Però è esattamente quello che si propongono di fare ora i capi di stato o di governo europei con il nuovo trattato, il “trattato modificativo”.

Pura cosmesi….

                                                          01/03/07 Basta con l’Europa neo liberale! 

Il 25 marzo 2007 verrà celebrato a Berlino il 50 anniversario della firma del Trattato di Roma istitutivo della CEE – Comunità Economica  Europea, divenuta Unione Europea con l’entrata in vigore del Trattato di Maastricht il 1° novembre 1993.