Questo sito fa uso di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare.

Per conoscere con maggior dettaglio cosa sono i cookie, quali sono utilizzati nel nostro sito e come disabilitarli premi il bottone "Per saperne di più". Per accettare l'utilizzo dei cookie premi il bottone "OK".

Trattato modificativo europeo: tappa verso il totalitarismo di mercato?

Lo scorso 23 giugno l’Unione europea ha presentato un progetto di trattato modificativo che si applica ai due principali trattati europei: il trattato sull’Unione europea (TUE) e il trattato istitutivo della Comunità europea che prende ora il nome di “Trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE). Il progetto è stato formalmente adottato al vertice europeo del 18-19 ottobre 2007, per essere poi sottoposto a ratifica da parte del 27 Paesi membri dell’Unione europea con una procedura che dovrebbe concludersi prima delle elezioni europee del giugno 2009.

 

Trattato modificativo: gli ATTAC d’Europa dicono NO

 L’11 marzo 2007, diciassette Attac d’Europa rendevano pubblici i loro “10 principi per un trattato democratico” come contributo alla rifondazione dell’Unione europea (UE).

Un’attenta lettura del Trattato modificativo adottato dagli Stati membri dell’UE nella riunione del Consiglio europeo del 18 e 19 ottobre dimostra che esso non rispetta nessuno di quei dieci principi. Peggio: è una versione mascherata del Trattato Costituzionale Europeo (TCE) che gli elettori francesi e olandesi avevano respinto nel 2005. Il testo è inaccettabile sia per il metodo di elaborazione sia per il contenuto.