Questo sito fa uso di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare.

Per conoscere con maggior dettaglio cosa sono i cookie, quali sono utilizzati nel nostro sito e come disabilitarli premi il bottone "Per saperne di più". Per accettare l'utilizzo dei cookie premi il bottone "OK".

Scarica il comunicato

L’annuncio (anche troppo tardivo) di Papandreu dell’organizzazione di un referendum sul piano europeo di “aiuti” alla Grecia è un primo passo della democrazia nei confronti dei piani di austerità che si abbattono ovunque in Europa.

Dipenderà dalla formulazione del quesito e dalle condizioni del dibattito perché il referendum non si traduca in una manipolazione politica.
Ma è anche l’occasione per un vero dibattito di civiltà, che faccia da risonanza alle rivendicazioni del popolo per una maggiore democrazia3 come è avvenuto in Islanda con il rifiuto del vasto piano di austerità sociale previsto.

Il piano europeo di aiuti alla Grecia, anche se organizza un’insolvenza parziale e comunque inevitabile della Grecia rispetto al proprio debito, non risolve nessuno dei
problemi di fondo posti dall’incoerenza della Zona euro e dall’irresponsabilità della finanza.
Aggrava ulteriormente l’austerità e la tutela della “troika” – Commissione UE, BCE e FMI – sul popolo greco. Le oligarchie europee pensavano di poter imporre ai loro popoli le esigenze delle banche e dei fornitori di denaro, riparandosi dietro le maggioranze parlamentari. Ma le politiche di austerità che stanno distruggendo la Grecia e che si allargano progressivamente al resto dell’Europa, suscitano resistenze sociali troppo forti!

I cittadini non si riconoscono più in una classe politica infeudata ai dogmi e agli interessi della finanza. “Voi non ci rappresentate!”: il grido degli Indignati alla classe politica ha ormai la forza dell’evidenza. La decisione di Papandreu, tipico rappresentante dell’oligarchia politica greca, di dare la parola al popolo è comunque una buona novella.
Anche se Sarkozy, come la maggior parte dei dirigenti europei, è “costernato” dalla decisione in cui vede solo demagogia e irresponsabilità.
Non dubitiamo che si metterà subito in moto la macchina mediatica, in Grecia e in Europa, come avvenne in Francia nel 2005 per il referendum sul Trattato costituzionale europeo.

Le destre e una pseudo sinistra fustigheranno l’arcaismo e il nazionalismo dei Greci incolpati di voler uscire dall’Europa e affossare l’Euro. Ma è esattamente il contrario: il
popolo greco, difendendo i propri diritti sociali e la propria sovranità democratica, difende i diritti di tutti i popoli europei. I movimenti sociali europei devono appoggiare il movimento greco che rifiuta le politiche devastanti e micidiali di iperausterità.

La vittoria del “no” al referendum greco non basterà da sola a risolvere la crisi attuale. Ma porrà concretamente la necessità di un’alternativa al modello neoliberale, a partire dalla denuncia del debito illegittimo, dal rifiuto di politiche di regressione sociale e dalla riconquista della sovranità democratica sulla nostra moneta comune: l’euro.
Attac impegnerà nelle prossime settimane tutte le proprie energie per costruire la solidarietà europea con il popolo greco, per far trionfare il NO all’austerità e porre le prime basi per la rifondazione di un’Europa democratica e solidale.

Torino, 1 novembre 2011