Questo sito fa uso di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare.

Per conoscere con maggior dettaglio cosa sono i cookie, quali sono utilizzati nel nostro sito e come disabilitarli premi il bottone "Per saperne di più". Per accettare l'utilizzo dei cookie premi il bottone "OK".

TTF

La Tassa sulle Transazioni Finanziarie

Una piccola tassa sulla finanza. Una grande risorsa per i più poveri e il pianeta

Cos'è la TTF 

Leggi il volantino sullo sciopero del 28/01/11.

Da Pomigliano e da Mirafiori la FIAT lancia ai lavoratori e a tutti noi la sfida finale:
- non avete nessun diritto
- tutto quello che credevate di esservi garantito vi verrà tolto;
- non potrete più organizzarvi liberamente, uniti e solidali,
- ciascuno pensi a se stesso in solitudine competitiva verso i compagni di lavoro


L’attacco ai metalmeccanici è solo l’ultimo capitolo di un attacco generalizzato a noi tutti: ai
precari che non possono progettarsi una vita, alle famiglie lasciate sempre più sole, ai
pensionati, ai migranti, agli studenti, ai docenti e ricercatori di scuole e università pubbliche
devastate dai tagli e dalle "riforme".


Per ATTAC è una magra consolazione dire oggi di averlo previsto più di 10 anni fa. Le
nostre analisi e proposte sono state ignorate, a volte derise, mentre la finanza globale
trasferiva la ricchezza dai salari ai profitti e alla rendita, aumentava le disuguaglianze sociali
e ci trascinava nella crisi economica più rovinosa del dopoguerra.
ATTAC è nata proprio per restituire alla politica il potere sull’economia e sulla finanza in
Italia, in Europa, nel mondo: Tassa sulle Transazioni Finanziarie - TTF

Un “granello di sabbia” nei meccanismi della speculazione finanziaria e valutaria, per
scoraggiare gli speculatori e recuperare risorse con cui finanziare i beni comuni. Una TTF
dello 0,5% nella zona euro produrrebbe un gettito dai 400 ai 1000 miliardi di euro all’anno

Sottrarre al mercato ogni sfera che attiene ai diritti, ai beni comuni naturali
e sociali, per affidarla a una gestione partecipativa a tutti i livelli.

Il REFERENDUM PER L’ACQUA PUBBLICA
è un passaggio fondamentale: passare dalla logica del profitto e del mercato alla risposta
pubblica efficiente e solidale dei bisogni e all’affermazione dei diritti delle persone.
Sottoscritto liberamente da oltre 1.400.000 cittadini italiani, è il contrario del Referendum
sotto ricatto imposto ai lavoratori FIAT: perché si scrive acqua ma si legge democrazia!

Per l’Acqua Bene Comune 2 SÌ al Referendum.