Questo sito fa uso di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare.

Per conoscere con maggior dettaglio cosa sono i cookie, quali sono utilizzati nel nostro sito e come disabilitarli premi il bottone "Per saperne di più". Per accettare l'utilizzo dei cookie premi il bottone "OK".

Logo attac

 

ATTAC  Associazione per la Tassazione delle Transazioni finanziarie e l’Aiuto ai Cittadini

Comitato torinese – via Mantova 34 – 10153 Torino – Cell. 347 9443758

 

 

Alla vigilia dell'assemblea dei soci SMAT S.P.A. (i Comuni proprietari, rappresentati dai loro Sindaci), in cui verrà proposto di predisporre un piano di possibile trasformazione di SMAT S.P.A. in Azienda di diritto pubblico, prevedibile come la folgore di Zeus, giunge il blitz del rating: viene reso pubblico che quello di SMAT S.P.A. è stato abbassato al solo verificarsi dell'ipotesi di una effettiva ripubblicizzazione.
Il “Mercato” ha detto NO!

“Roma locuta causa soluta” si diceva un tempo. Oggi, per i seguaci di questa nuova Religione, l'Infallibilità ha cambiato indirizzo, non più la Cappella Sistina, ma la City e Wall Street.

Superato il timore suscitato dalla collera divina, facciamoci coraggio e chiediamoci cos'è il rating, a cosa serva e chi lo attribuisce.

Tutti sanno che individua il rischi dell'investimento in un soggetto (sia diretto con l'acquisto di una partecipazione azionaria, sia indiretto tramite una concessione di credito, eventualmente sotto forma di sottoscrizione di titoli obbligazionari).

Cosa serve, allora una valutazione di rating a un soggetto statutariamente di sola proprietà pubblica come SMAT S.P.A.?
Non certo per valutare la vendita di azioni a privati (vietata dell'attuale statuto).
Per quel che riguardata il credito: come può essere diventato rischioso in presenza di un immutato, o addirittura migliorato, rapporto tra fatturato e utili, tra capitale proprio e indebitamento? Come se nulla contassero le riserve imponenti, una produzione in regime di monopolio relativa ad un bene dal consumo anelastico (non soggetto a cambiamenti per effetto dall'andamento economico generale) e, cosa più' importante con un sistema tariffario basato sul principio del pagamento di tutti i costi (investimenti e oneri finanziari compresi) con la tariffa.

Le agenzie di rating, sono istituzioni private, di proprietà di privati con clienti privati.
Ogni idea di terzietà nei rapporti tra interesse pubblico e privato non può e non deve essere loro riconosciuta. Al massimo si può riconosce loro una terzietà nella comparazione di interessi privati.

Siamo invece noi cittadini ad avere il diritto e anche il dovere, di denunciare la passata scellerata politica di distribuire utili e parallelamente finanziare gli investimenti con l'indebitamento, financo sul mercato obbligazionario internazionale.
Vogliamo solo ricordare che numerosi Comuni, fra cui Napoli e Torino, hanno votato nei loro Consigli Comunali mozioni e delibere con cui si chiese con convinzione il ritorno della Cassa Depositi e Prestiti alla propria vocazione originaria fermando la deriva privatistica verso il pericoloso ruolo di banca d'affari. Non dimentichiamo che si tratta dei risparmi, costituzionalmente garantiti, dei Cittadini.

Hans Tietmeyer, vent'anni or sono come presidente in carica della Bundesbank, affermò con protervia: “i Governi finalmente abdicano alla sovranità”, democratica aggiungiamo noi, “per sottoporsi al suffragio quotidiano dei mercati”.
Dobbiamo ricordare tale affermazione, di un'arroganza da oscurare quella del Re Sole, per comprendere la natura ideologica e politica dell'operazione di abbassamento del rating di SMAT.
Ideologica: per diffondere una falsa rappresentazione della realtà; politica: per costringere gli eletti del popolo a sottomettere il loro agire e le loro coscienze al volere del neo feudalesimo finanziario.

A giorni i nostri Sindaci, nel prendere posizione sull'avvio del processo di ripubblicizzazione di SMAT, saranno soggetti a due sistemi regole, fra loro incompatibili. Da una parte il rispetto del mandato popolare cui li obbliga il loro giuramento di fedeltà alla Repubblica e alla Costituzione, dall'altra la sottomissione alle nuove regole imposte dall'oligarchia finanziaria.
Delle loro scelte risponderanno agli elettori e alla loro coscienza.

A quanti, in buona fede, crederanno opportuno sottomettersi, per un malinteso senso di prudenza al diktat delle agenzie di rating, crediamo sia opportuno ricordare le parole che il grande Cancelliere Helmut Schmidt rivolse a Tietmeyer già nel 1996, dalle colonne di Zeit: “l'effetto dei vostri argomenti rafforzerà l'ipocondriaca paura tedesca di ogni innovazione, i vostri propositi desiderano essere positivi : i risultati sono negativi”.

Torino, 25 giugno 2018


Convegno
Venerdì 18 settembre, ore 17.30 - 20 (SOMS Via Borgogna 34 - Vercelli)

Per lo scorporo dell’acqua dalla Multiservizi ATENA SpA

Per la gestione pubblica e partecipativa dell’acqua, senza scopo di lucro tramite un’azienda speciale consortile di diritto pubblico per tutto il territorio provinciale

SCARICA IL DOSSIER "Società Multiservizi - lo strumento per privatizzare i servizi pubblici locali"[.pdf, 1.3 Mb]

Le conclusioni di Marco Bersani  - Forum italiano dei Movimenti per l'Acqua (Parte 1)

Le conclusioni di Marco Bersani  - Forum italiano dei Movimenti per l'Acqua (Parte 2)

GUARDA  I VIDEO DI TUTTI GLI INTERVENTI

GUARDA LE FOTO DEL CONVEGNO (su facebook, su Picasa)

Il voto di ieri al Parlamento Europeo è una grande vittoria per la democrazia, la società civile e per ciascuno degli oltre 2 milioni di cittadini che hanno firmato l'iniziativa dei cittadini europei, ICE, sul diritto all'acqua.

La relazione sul seguito da dare all'ICE “Right2Water”, sostenuta al Parlamento europeo a maggioranza, è passata senza grandi cambiamenti, nonostante un contromozione proposto dal PPE e dei gruppi ECR.
La posizione del Parlamento europeo sul diritto all'acqua è chiara!
La Commissione è ora chiamata ad attuare il diritto all'acqua in Europa attraverso la produzione di strumenti legislativi efficaci per rendere il diritto umano all'acqua e ai servizi igienico-sanitari una realtà.
L'acqua è definita come un bene vitale e necessario per la dignità umana e non può essere trattata come una merce. Pertanto, i servizi idrici devono essere esclusi da accordi commerciali, come ad esempio il TTIP.

Clicca qui per scaricare la locandina

 

 

Stravinto il referendum di Salonicco contro la privatizzazione dell'acqua

 

martedì 3 giugno ore 21

Georgios Melissourgos dei Water Warriors di Salonicco,

al Caffè Basaglia - via Mantova 34 – Torino

 

Il racconto dalla viva voce di un protagonista

dell’esaltante esperienza in difesa dell’acqua di Salonicco

e del dibattito in corso per raggiungere l’obiettivo

 

Comitati di cittadini e il sindacato dei lavoratori hanno convocato un referendum autorganizzato. in concomitanza con le elezioni amministrative del 18 maggio: una scommessa enorme, garantire una o più urne in ognuna delle 200 scuole attraverso la mobilitazione di almeno 1500 volontari.

Il Ministero dell’Interno prima, e il prefetto poi, vietano il referendum autorganizzato, proibiscono l’installazione delle urne e minacciano arresti di 3, 4 mesi.

18 maggio, ore 7 della mattina.

I volontari ci sono, i seggi sono tutti coperti. In alcune scuole qualche discussione con la polizia ritarda l’inizio del voto, ma nessun episodio significativo.

Verso le 8 tutte le urne sono attive davanti ad ogni scuola dove si vota. Il sole è forte i volontari si attrezzano con cappelli e ombrelloni. Molti cittadini vengono ad aiutare in maniera inaspettata, e verso le 11 la gente è in coda per votare. Sembra che la mossa del governo abbia prodotto un effetto boomerang, già verso metà giornata è chiaro che il referendum sarà un successo.

Alle 19 corsa al municipio, punto di raccolta di tutte le urne, la coda per consegnare i sacchi stracolmi dura un paio d’ore. Intanto si inizia lo spoglio che andrà avanti fino alle 4.30 :

 

218 mila voti, di cui 213 mila contro la privatizzazione dell’acqua.

 

Anche nella Grecia oppressa dalla Troika e dall’austerità,

si scrive acqua e si legge democrazia

 

 

 

martedì 3 giugno ore 21

Georgios Melissourgos dei Water Warriors di Salonicco,

al Caffè Basaglia - via Mantova 34 – Torino

 

Il racconto dalla viva voce di un protagonista

dell’esaltante esperienza in difesa dell’acqua di Salonicco

e del dibattito in corso per raggiungere l’obiettivo

 

Comitati di cittadini e il sindacato dei lavoratori hanno convocato un referendum autorganizzato. in concomitanza con le elezioni amministrative del 18 maggio: una scommessa enorme, garantire una o più urne in ognuna delle 200 scuole attraverso la mobilitazione di almeno 1500 volontari.

Il Ministero dell’Interno prima, e il prefetto poi, vietano il referendum autorganizzato, proibiscono l’installazione delle urne e minacciano arresti di 3, 4 mesi.

18 maggio, ore 7 della mattina.

I volontari ci sono, i seggi sono tutti coperti. In alcune scuole qualche discussione con la polizia ritarda l’inizio del voto, ma nessun episodio significativo.

Verso le 8 tutte le urne sono attive davanti ad ogni scuola dove si vota. Il sole è forte i volontari si attrezzano con cappelli e ombrelloni. Molti cittadini vengono ad aiutare in maniera inaspettata, e verso le 11 la gente è in coda per votare. Sembra che la mossa del governo abbia prodotto un effetto boomerang, già verso metà giornata è chiaro che il referendum sarà un successo.

Alle 19 corsa al municipio, punto di raccolta di tutte le urne, la coda per consegnare i sacchi stracolmi dura un paio d’ore. Intanto si inizia lo spoglio che andrà avanti fino alle 4.30 :

 

218 mila voti, di cui 213 mila contro la privatizzazione dell’acqua.

 

Anche nella Grecia oppressa dalla Troika e dall’austerità,

s

i scrive acqua e si legge democrazia