Questo sito fa uso di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare.

Per conoscere con maggior dettaglio cosa sono i cookie, quali sono utilizzati nel nostro sito e come disabilitarli premi il bottone "Per saperne di più". Per accettare l'utilizzo dei cookie premi il bottone "OK".

LogoRiapriamoIlMariaAdelaide 200x200

Assemblea permanente Riapriamo il Maria Adelaide

Largo Maurizio Vitale 113, 10152 Torino

https://www.facebook.com/RiapriamoIlMariaAdelaide/ -  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Al Ministro della Sanità

Ai Responsabili dell’Unità di missione per l'attuazione degli interventi del PNRR

Al Direttore generale AGENAS

Al Ministero per la Pubblica Amministrazione -  Ufficio per la valutazione della performance

Alla Commissione Europea - Complaints

Ai Senatori membri delle Commissioni I, XIV e Politiche Europee

Al Presidente, Giunta e Consiglio regionale del Piemonte

Ai Direttori generali di ASL Città di Torino e AOU Città della Scienza di Torino

Al Direttore regionale Sanità

Al Difensore civico Regione Piemonte

Cc: Sindaco, Giunta, Consiglio comunale di Torino

 

Esposto

PNRR Regione Piemonte – Missione 6 Componente 1 Sanità  - Programmazione e localizzazione strutture di prossimità nella Città di Torino

Martedì 22 febbraio 2022 il Consiglio regionale del Piemonte ha approvato la deliberazione n. 219 “Programmazione relativa alle strutture di prossimità ed intermedie nelle Aziende Sanitarie Locali: localizzazione dei siti delle Case di Comunità, Ospedali di Comunità e Centrali Operative Territoriali” da realizzare con finanziamenti PNRR entro il 2026.[1]

Le scelte concrete per la Città di Torino, figurano nei 3 tabulati Excel allegati  quali parti integranti e sostanziali della deliberazione suddetta,  contenenti l’elenco delle Case e Ospedali di Comunità e Centrali Operative Territoriali da realizzare entro il 2026.

Tali scelte non corrispondono

- né alle finalità dichiarate  nella deliberazione citata:  garantire equità di accesso e capillarità e prossimità del servizio (…),il  rafforzamento delle strutture di prossimità (…)  la costruzione e la modernizzazione, sia dal punto di vista tecnologico che organizzativo del SSR in base ai bisogni sanitari consolidati ed emergenti della popolazione;

-  né ai Modelli e Standard per lo sviluppo dell’Assistenza Territoriale nel Servizio Sanitario Nazionale [2]  stabiliti all’art. 3 del  Decreto n. 71 del Ministro della salute di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze: “ 3. Le regioni  (…)provvedono ad adeguare l’organizzazione dell’assistenza territoriale e del sistema di prevenzione sulla base degli standard di cui al presente decreto, in coerenza anche con gli investimenti previsti dalla Missione 6 Component 1 del PNRR”.

- e tanto meno agli standard fissati dal PNRR e Faldoni allegati per l’attuazione della Missione 6 Componente 1 del PNRR stesso[3].

Lo conferma la seguente tavola riguardante la Città di Torino, dove i colori evidenziano le situazioni più anomale.

ASL

TIPOLOGIA PRESIDIO

SEDE PRESIDIO

ASL Città di Torino

OSPEDALE COMUNITA'

Torino Via Pellico 19

ASL Città di Torino

OSPEDALE COMUNITA'

Torino via Farinelli 25

ASL Città di Torino

OSPEDALE COMUNITA'

Torino corso Svizzera 164

ASL Città di Torino

OSPEDALE COMUNITA'

Torino via Cigna 74

ASL Città di Torino

OSPEDALE COMUNITA'

Torino via Cigna 75

ASL Città di Torino

CASA COMUNITA'

Torino via Pellico 19

ASL Città di Torino

CASA COMUNITA'

Torino via Pellico 28

ASL Città di Torino

CASA COMUNITA'

Torino via S. Secondo 29 bis

ASL Città di Torino

CASA COMUNITA'

Torino via della Consolata 10

ASL Città di Torino

CASA COMUNITA'

Torino corso Corsica 55

ASL Città di Torino

CASA COMUNITA'

Torino via Farinelli 25

ASL Città di Torino

CASA COMUNITA'

Torino via Spalato 15

ASL Città di Torino

CASA COMUNITA'

Torino via Monginevro 230

ASL Città di Torino

CASA COMUNITA'

Torino via Goriza 114

ASL Città di Torino

CASA COMUNITA'

Torino strada Villardora 220

ASL Città di Torino

CASA COMUNITA'

Torino via Pacchiotti 4

ASL Città di Torino

CASA COMUNITA'

Torino via Cigna 74

ASL Città di Torino

CASA COMUNITA'

Torino via Cigna 75

ASL Città di Torino

CASA COMUNITA'

Torino via Botticelli 130

ASL Città di Torino

CASA COMUNITA'

Torino lungo Dora Savona 24

ASL Città di Torino

CASA COMUNITA'

Torino lungo Dora Savona 26

ASL Città di Torino

CASA COMUNITA'

Torino via Montanaro 60

ASL Città di Torino

CASA COMUNITA'

Torino via Cavezzale 6

ASL Città di Torino

CENTRALE OPERATIVA

Torino via Legnano 5

ASL Città di Torino

CENTRALE OPERATIVA

Torino via Farinelli 5

ASL Città di Torino

CENTRALE OPERATIVA

Torino via Cigna 74

ASL Città di Torino

CENTRALE OPERATIVA

Torino via Cigna 74

ASL Città di Torino

CENTRALE OPERATIVA

Torino via Cigna 74

ASL Città di Torino

CENTRALE OPERATIVA

Torino via degli Abeti 16

ASL Città di Torino

CENTRALE OPERATIVA

Torino Via Pacchiotti 5

ASL Città di Torino

CENTRALE OPERATIVA

Torino Via Botticelli 130

ASL Città di Torino

CENTRALE OPERATIVA

Torino via Pellico 19

 

Ricordato che il PNRR prevede almeno 1 Casa della Comunità hub ogni 40.000-50.000 abitanti;
al fine di favorire la capillarità dei servizi e maggiore equità di accesso, si rileva che:

Colore giallo:  nello stesso sito via Cigna 74- 75 (ex Ospedale Luigi Einaudi  al confine tra le Circoscrizioni 5 e 7 di Torino Nord, estese su  38 km²  con oltre 215.000 abitanti) sono concentrate 2 Case della Comunità + 2 Ospedali di Comunità + 3 Centrali Operative,  in contraddizione con i criteri di prossimità sbandierati per ogni dove, di luogo fisico di riferimento per la comunità su cui insiste tenendo conto delle caratteristiche (…) del territorio al fine di favorire la capillarità dei servizi, di modello organizzativo che rende concreta l’assistenza di prossimità per la popolazione di riferimento e ancora luogo di prossimità, ben identificabile e facilmente raggiungibile dalla popolazione di riferimento.

Per favorire la capillarità dei servizi e rendere concreta l’assistenza di prossimità per la popolazione di riferimento da anni gli abitanti chiedono la modernizzazione  di due edifici pubblici abbandonati, che per collocazione territoriale e  dimensioni, molto meglio rispondono  agli Standard fissati dal PNRR e del Decreto 71 per la Missione 6 Componente 1:

nella Circoscrizione 5, l’edificio ex Superga:  oltre 5.000 mq, di  proprietà del Comune, a destinazione urbanistica “poliambulatorio”

nella Circoscrizione 7, l’ex Ospedale Maria Adelaide oltre 10.000 mq,  di proprietà dell’AOU Città della Salute, a destinazione urbanistica ospedaliera contrassegnata dalla lettera H nelle relative tavole di PRG, riconfermata ancora il 20 luglio 2020 dal Consiglio comunale di Torino al punto 3.2.2.5 della Revisione del PRG della Città[4].

Colore verde: non traggano in inganno i due diversi numeri civici. Si tratta di un unico edificio (ex Consultorio antitubercolare) le cui dimensioni, pur rilevanti, sono a malapena sufficienti a contenere i servizi sanitari attualmente in funzione.

Un loro adeguamento agli standard del PNRR   potrebbe portarli a livello di 1 Ospedale di Comunità NON 2 Case della Comunità.

Colore rosso: l’edificio di via Botticelli 130 è una RSA privata, di proprietà  e gestione del Gruppo ANTEA di Biella. Non esistono spazi sufficienti per 1 Casa della Comunità + 1 Ospedale di Comunità, a meno di un improbabile e laborioso cambio di destinazione d’uso !?!? e successiva convenzione pubblico-privato?!?!  Molto improbabile il rispetto della scadenza del 2026 ?!?! Molto probabile la perdita del finanziamento PNRR.

Colore Viola : si condivide la ristrutturazione dell’ex Ospedale Valdese in 1 Casa della Comunità + 1 Ospedale di Comunità + 1 Centrale Operativa.

Incomprensibile l‘accorpamento di un’altra Casa della Comunità in quel Quartiere (San Salvario), esteso su 23,165 km² con 134.028 abitanti, che andrebbe invece collocata nell’oltre Po, del tutto privo di servizi sanitari territoriali.

Non ci soffermiamo su altre strutture di dimensioni assolutamente insufficienti rispetto agli standard del PNRR e del DM 71, e il cui ampliamento appare impossibile  per oggettiva mancanza di spazio.

Una qualsiasi ispezione europea che verifichi con normale diligenza quanto sopra esposto, non potrà che confermarne il fondamento e portare alla cancellazione dei finanziamenti PNRR.

Scongiurare questa evenienza è lo scopo del presente esposto e dell’appello pressante che rivolgiamo ai destinatari in indirizzo affinché intervengano tempestivamente -  data la prossima scadenza del 31 maggio 2022  per la sottoscrizione del Contratto Istituzionale che definisce il programma, le schede dei singoli interventi, le localizzazioni, i cronoprogramma ecc. di attuazione del PNRR – allo scopo di modificare la localizzazione dei siti delle Case di Comunità, Ospedali di Comunità e Centrali Operative per la Città di Torino secondo i criteri fissati dal PNRR stesso, e sia così scongiurato il rischio di perdere i relativi finanziamenti.

Confidiamo nella vostra attenzione e iniziativa.

Assemblea permanente Riapriamo il Maria Adelaide

Cittadini/e per il Poliambulatorio di via del Ridotto

Comitato provinciale Acqua Pubblica Torino

Torino,  5 marzo 2022

 

[1] http://www.cr.piemonte.it/delibefo/datiiter.do?numLegislatura=11&numDelibera=219

[2] https://www.quotidianosanita.it/allegati/allegato6606057.pdf  oppure https://www.saluteinternazionale.info/wp-content/uploads/2022/02/DM-71-Modelli-e-standard-per-lo-sviluppo-dellAssistenza-Territoriale-del-SSN.html

[3] https://www.governo.it/sites/governo.it/files/PNRR_3.pdf

[4] http://geoportale.comune.torino.it/web/relazione-illustrativa-generale-e-scheda-quantitativa-dei-dati-urbani