Questo sito fa uso di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare.

Per conoscere con maggior dettaglio cosa sono i cookie, quali sono utilizzati nel nostro sito e come disabilitarli premi il bottone "Per saperne di più". Per accettare l'utilizzo dei cookie premi il bottone "OK".

locandina 16Giugno
 
Malgrado la volontà dei cittadini si sia espressa in senso contrario, con tutte le modalità previste dalla nostra Costituzione fino al Referendum del 2011,la privatizzazione dei servizi pubblici continua. Si  afferma che sia sufficiente una quota azionaria, sempre più esigua col passare del tempo, in mano pubblica per garantire una finalità orientata al Bene Comune: 
 
E’ FALSO.

L'ingresso di capitale privato orientato al profitto, serve solo a giustificare la radicale mutazione del ruolo della presenza pubblica: non più tutela dell'interesse dei cittadini ma utilizzo dei beni comuni per estrarre risorse in modo da nascondere lo strozzamento della finanza locale provocato dei tagli ai trasferimenti statali.
Ma non si tratta solo di denaro.   I processi di privatizzazione hanno espropriato i cittadini non solo della proprietà di aziende che le generazioni passate hanno costruito per le necessità di del bene comune, ma mettono in pericolo la conservazione di preziose risorse naturali e finirebbero inevitabilmente per anteporre lo scopo di lucro al benessere e alla stessa salute dei cittadini. Per rispondere a questa minaccia occorre conoscerne con precisione i vari aspetti e i rispettivi collegamenti. Esaminiamo insieme un caso concreto che ci tocca tutti da vicino:  IREN AMIAT TRM 
 
VENERDI 15 GIUGNO, ore 17,30  Caffè Basaglia, via Mantova 34, Torino -  Invitiamo tutte e tutti a partecipare.
 
Interverranno
Stefano Risso - Attac Torino
Oscar Brunasso, Laura Piana -  Rifiuti Zero Piemonte
Pino Cosentino - Attac Genova
 
Documentazione:
 
 
 
 
 
 
Video: