Questo sito fa uso di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare.

Per conoscere con maggior dettaglio cosa sono i cookie, quali sono utilizzati nel nostro sito e come disabilitarli premi il bottone "Per saperne di più". Per accettare l'utilizzo dei cookie premi il bottone "OK".

Sulla finanziarizzazione dell'economia

 

Crisi, Debito, Patto di stabilità, Austerity. Sono parole ormai diventate il sottofondo della vita quotidiana di tutte e tutti noi.

Luoghi reali o virtuali come la Banca Centrale Europea, “i mercati”, o i poteri forti finanziari hanno sostituito i luoghi della democrazia, prendendo decisioni che determinano il presente e il futuro di tutti noi.

Nello stesso tempo, dentro la società è avvenuto un fortissimo sommovimento; lo straordinario risultato del referendum per l’acqua lo scorso anno ne è stata la più evidente emersione che, sul tema dei beni comuni, ha iniziato a ricostruire conflitto e legami sociali, mobilitazioni e proposte.

Per un altro modello sociale e per la costruzione di una nuova democrazia partecipativa.

 

E’ a questi temi che dedicheremo la prossima Università estiva di Attac che si terrà presso il camping “Le Tamerici” a Cecina Mare, in Toscana, da venerdì 14 a domenica16 settembre 2012.

 

14 Gennaio - Seminario di Attac Italia:

La speculazione finanziaria ci ha regalato la crisi
Regaliamole due proposte d'opposizione
La TTF e la Difesa dei Servizi Pubblici
due proposte, un'unica prospettiva

GUARDA TUTTI GLI INTERVENTI DEL SEMINARIO 

A dodici anni di distanza dalla “lunatica” proposta dei “visionari” di Attac (la tassa Tobin per scoraggiare le transazioni speculative finanziarie e valutarie), la Commissione   Europea e l'establishment economico hanno dovuto accettarne l'inevitabilità e formulare una specifica (e ancora insufficiente) proposta, facendo di necessita virtù.

“Lor signori”, come li si definiva un tempo, si sono dimenticati sia la  loro decennale opposizione all'introduzione di questa tassa, sia la proposta di legge di iniziativa popolare(200.000 firme!) che due legislature a diversa maggioranza politica si sono trovate unite nell'insabbiare.