Questo sito fa uso di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare.

Per conoscere con maggior dettaglio cosa sono i cookie, quali sono utilizzati nel nostro sito e come disabilitarli premi il bottone "Per saperne di più". Per accettare l'utilizzo dei cookie premi il bottone "OK".

Il Cottolengo sarà quotato in borsa?

euro 288x160

Con la benedizione della vice ministra Castelli dei 5 Stelle,  è iniziato il percorso verso la quotazione in  borsa della beneficenza. A suo dire L'economia sociale è il motore dell'intera economia e Torino è tra le realtà che meglio lo hanno compreso. L'esperienza di questo territorio ci fa dire che il Paese è pronto” e ci promette una legge ad hoc entro questa legislatura. v. La Stampa, 27 marzo 2022.

Più ardita degli yankee che hanno quotato in borsa anche l’acqua, la nostra si accinge a valutare in moneta sonante anche le opere di bene. Non che manchi il marcio anche in questo settore. Lo stesso Cottolengo non ha sempre brillato di correttezza e trasparenza, ma ciò non giustifica la consegna ai mercanti della Casa della Divina Provvidenza che, con numerose altre istituzioni benefiche, ha fatto di Torino la città dei santi e dei benefattori.

Su questa brutta strada conduce  sicuramente la nuova legge  sul Terzo Settore, che  ha spazzato via ogni possibilità di autogestione democratica dal basso della solidarietà umana e sociale, imbrigliandola in procedure di riconoscimento e funzionamento ispirate alle pratiche di mercato.

Una brutta strada che ora intendono battere i grandi gruppi economici e finanziari della Città  che,  dopo aver spremuto la sua economia produttiva,  saccheggiato il suo patrimonio immobiliare, impoverito la scuola, la sanità e l’edilizia pubblica, ora si accingono a speculare in borsa sull’obolo del povero, contando a quanto pare anche sul consenso dell’Amministrazione comunale.

In questa V Domenica di Quaresima, ricordiamo al Sindaco di Torino che, oggi come allora, i valori non  sono quelli della borsa e del mercato: Marco (12,38 -44) : "Guardatevi dagli scribi, che amano passeggiare in lunghe vesti, ricevere saluti nelle piazze, avere i primi seggi nelle sinagoghe e i primi posti nei banchetti. Divorano le case delle vedove e pregano a lungo per farsi vedere. "