Questo sito fa uso di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare.

Per conoscere con maggior dettaglio cosa sono i cookie, quali sono utilizzati nel nostro sito e come disabilitarli premi il bottone "Per saperne di più". Per accettare l'utilizzo dei cookie premi il bottone "OK".

Locandina20191218 v2 680x849

Evento facebook qui

E se usassimo il denaro pubblico per costruire le soluzioni di sistema necessarie a ciascuno per stare meglio?
E se i nostri sistemi monetari, fiscali e finanziari potessero essere radicalmente trasformati?
E se potessimo ridurre il potere della finanza con più democrazia?

Dopo la crisi finanziaria globale del 2008, il salvataggio delle grandi banche ha comportato il taglio della spesa pubblica.
E si sono così giustificati i provvedimenti sempre più aspri di austerità, rafforzando il mito duro a morire che il settore pubblico deve affidarsi alla finanza privata per porre rimedio alle eccessive disuguaglianze e alla devastazione ecologica.

Oggi, la finanza privata non ha solo fallito nel far fronte a questi problemi, ma li ha aggravati. Il pubblico non deve contare sul settore privato.
I fondi pubblici sono molto più grandi di quanto pensiamo: equivalgono al 93% del PIL globale. Le banche pubbliche hanno risorse sufficienti per raccogliere i molti trilioni necessari agli investimenti nei servizi pubblici e nelle infrastrutture climatiche, senza dover far ricorso ai finanziatori privati.

Questo libro presenta prospettive di economie rigenerative e redistributive, costruite dal potere collettivo: dalla prospera economia cooperativa in Kerala, India, alle centinaia di Casse di risparmio locali in Germania, al Banco Popular in Costa Rica e le migliaia di fondi popolari di credito nel Vietnam.
Prende in esame modelli che potrebbero diventare la nuova normalità – alla base di un futuro strutturato democraticamente e vitale.

Gli esempi dal mondo reale di questo libro dimostrano che una politica economica che piega il potere dell’alta finanza e serve al popolo e al pianeta è possibile.
Le idee qui condivise sono tempestive e urgenti – un appello a essere pronti prima che scoppi la prossima bolla finanziaria.