Questo sito fa uso di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare.

Per conoscere con maggior dettaglio cosa sono i cookie, quali sono utilizzati nel nostro sito e come disabilitarli premi il bottone "Per saperne di più". Per accettare l'utilizzo dei cookie premi il bottone "OK".

Stop TTIP!

Ferma il trattato di liberalizzazione UE-USA

Cos'è il TTIP e perchè va fermato 

iofirmo stopTTIP      

Firma ora la petizione europea!

Alcuni link utili:


Conclusi i negoziati CETA, l'Accordo deve ora passare alla ratifica e può incontrare diversi ostacoli. Una valutazione dei suoi contenuti è opera dell'autorevole Canadian Centre for Policy Alternatives:

Scarica il documento

 

Sul sito dell'European Water Movement trovate la traduzione italiana della parte riguardante acqua e servizi idrici:

Leggi il documento

 


Contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cell: +39 388 85 97 492

Scarica il volantino

Scarica l'articolo di Le Monde Diplomatique: Il trattato transatlantico, un uragano che minaccia gli europei

Mercoledì 29 Gennaio, Incontro pubblico:

Un trattato dell'altro mondo sul libero commercio tra USA e UE negoziato in segreto per demolire lo Spazio Sociale Europeoe ogni tutela sul lavoro, la salute,l 'ambiente

Dopo la Bolkestein un altro grave pericolo: l’ APT

Accordo USA-UE per liberalizzare commercio e servizi

Frits Bolkestein ha dato il suo nome alla direttiva europea per la liberalizzazione dei servizi.

Pochi sanno che contro quella direttiva Attac si è battuta, su scala europea, anche con grandi manifestazioni nascoste dai media, riuscendo per lo meno a bloccare alcuni dei suoi effetti più devastanti. Senza quell'azione oggi imprenditori di paesi come la Lituania o l'Estonia, per esempio, potrebbero già operare da noi illimitatamente, rispondendo esclusivamente alle loro leggi nazionali e, peggio, essendo sottoposti solo ai controlli dei loro Paesi non certo interessati a verificare come lavorano in Italia!