Questo sito fa uso di cookie al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare.

Per conoscere con maggior dettaglio cosa sono i cookie, quali sono utilizzati nel nostro sito e come disabilitarli premi il bottone "Per saperne di più". Per accettare l'utilizzo dei cookie premi il bottone "OK".

Sulla privatizzazione dei servizi idrici

L’art. 35 della Finanziaria 2002, approvato dal governo di centrodestra nel totale silenzio di tutti i mezzi d’informazione e quindi senza alcun dibattito democratico, modificando l’art. 113 del Testo Unico Enti Locali (TUEL, D. Lgs n. 267/2000), ha introdotto per legge “l’obbligo di privatizzazione dell’acqua”. Con il precedente testo del TUEL , i servizi pubblici locali di rilevanza economico-industriale potevano essere gestiti in una delle seguenti forme: in economia; mediante azienda speciale pubblica o consorzio pubblico; in concessione a terzi; mediante Spa o Srl a maggioranza pubblica; mediante, infine, Spa a partecipazione pubblica minoritaria. Già quest’ultima opzione consentiva che la gestione del servizio fosse affidata ad un’azienda prevalentemente privata, ma la scelta tra le varie forme era lasciata all’autonomia dell’Ente Locale. Pure opzionale era la prevista trasformazione delle aziende speciali (ex-municipalizzate) in Spa (art. 115).

Introduzione e Parte terza del D.Lgs.152/2006

 A cura del Dott. Francesco Nannetti

In tempi in cui procede la revisione di alcune parti del Testo Unico ambientale approvato dal governo di centrodestra in uno dei suoi ultimi “respiri” (senza che tuttavia si sia deciso, come le tempistiche avrebbero ben consentito, di abrogare l'intero provvedimento legislativo o almeno sospenderne l'efficacia), con maggiore serenità si può procedere, come si prefiggono di fare queste note, ad identificare quali fonti ed in quale misura sono intervenute ad ispirare la stesura di questo testo controverso.

Clicca qui per scaricare l'Appello ai candidati piemontesi al Parlamento da parte del Comitato Piemontese per l'Acqua Pubblica  (15/02/08)

APPELLO ai CANDIDATI PIEMONTESI al PARLAMENTO
da parte del
COORDINAMENTO PIEMONTESE PER L’ACQUA PUBBLICA
(formato da Enti Locali, Autorità d’Ambito, gestori di acquedotti,Società Civile)

Gentile Candidato/a,
lo scorso 19 Novembre, ad Asti, il nostro coordinamento si è riunito per la prima volta allo
scopo di avviare un percorso comune e condiviso teso alla tutela e salvaguardia delle
acque pubbliche italiane.